Skip to content
Homepage > Cooperazione > Tra collettivo e cooperazione

Tra collettivo e cooperazione

Condividi

Il valore della rete per le sfide della Generazione Z”

Venerdì 2 febbraio alle 16.00 appuntamento a Bologna con la tavola rotonda “Tra collettivo e cooperazione: il valore della rete per le sfide della Generazione Z” . L’incontro si svolge nell’area talk della fiera di arte contemporanea BOOMing Contemporary Art Show in corso dal 1° al 4 febbraio al Binario Centrale dello Spazio Dumbo (Via Casarini 19).

L’incontro è co-organizzato da Fondazione Centro Studi Doc con Legacoop Nazionale, Coopfond e Doc Creativity.

Durante la tavola rotonda si darà spazio alle voci della Generazione Z per esplorare l’importanza del lavoro collettivo, cooperativo e del fare rete nelle nuove generazioni impegnate in arte, ambiente, comunicazione e digitale.

Per chi partecipa all’incontro sarà anche possibile visitare gratuitamente con visita guidata la mostra di arte contemporanea Booming Contemporary Art Show.


PROGRAMMA

Quando: venerdì 2 febbraio, ore 16.00
Dove: DumBO – Binario Centrale – Area Talk & Podcast (zona palco)
Bologna | Via Camillo Casarini 19, 40131

Saluti istituzionali

  • Daniela Furlani (presidente Doc Creativity)
  • Piero Ingrosso (direttore Innovazione e Promozione Coopfond)

Tavola rotonda

  • Asia Guerreschi (dottoranda in Economia Circolare, Università di Ferrara, fondatrice Rethinking Climate)
  • Riccardo Verrocchi (coordinatore nazionale Legacoop Generazioni)
  • Collettivo Borlottee
  • Silvia Giannotti (artsharer)
  • Alessio Brusori (game designer Power Up Team)

Conclusioni 
Simone Gamberini (presidente Legacoop Nazionale)

Modera 
Francesca Martinelli (direttrice Fondazione Centro Studi Doc)

*

BOOMing 2024 si concentra sul presente con la parola chiave “ADESSO”. La mostra d’arte contemporanea esplora generazioni emergenti, femminismi e questioni ambientali. La sezione “Generation(Z)” mette in luce gli artisti nati dopo il 1990, affrontando sfide e responsabilità uniche. La sezione “Feminisms” evidenzia la sottorappresentazione femminile nel mercato artistico. La sezione ambientale, da “Climax” a “Everyday For Future”, riflette l’impegno quotidiano per un futuro sostenibile. La fiera evolve, mantenendo la sua visione verde e inclusiva.